Navigazione contenuti

Contenuti del sito

Chi voleva incastrare Andrea Montemurro ? E perchè ?

Immagine dell'articolo

Dopo il clamore suscitato nei giorni precedenti, per un finto scandalo che scandalo non è e per un caso che tutto è meno ciò che si è voluto far credere, finalmente si torna a parlare di un presidente giovane e di qualità nei termini più opportuni.

Chi voleva incastrare Andrea Montemurro ? E perchè ?

Ecco le vere domande da porsi, per un tentativo doloso di mettere in cattiva luca uno dei più giovani massimi dirigenti sportivi della storia, un manager preparato e che evidentemente dà fastidio a qualcuno per le sue note e riconosciute capacità che ha dimostrato abilmente in questi tre anni di cambiamento del futsal italiano.

E allora eccolo il “fattaccio”, il “dispetto” che gli è stato rivolto per provare a metterlo in cattiva luce. Ecco l’audio rubato, una telefonata fatta girare ad insaputa del dottor Montemurro, evidentemente e palesemente creata ad arte per potergli creare problemi e nient’altro, tanto che nell’ascoltare più volte l’audio della frode, il massimo che possa capitare è di mettersi a sorridere non solo per la palese montatura fatta ad arte ma per il fatto che lo stesso presidente mai accetta una proposta che in realtà non è mai stata neppure avanzata.

Si capisce bene immediatamente, che il presidente Montemurro non vìola alcuna regola e che il suo atteggiamento è immediatamente sorpreso, tanto da restare interdetto, di fronte alle parole di quel dirigente. La “trappola” è evidente e lo scandalo vero è che una telefonata privata diventi di dominio pubblico in questa maniera, con l’obiettivo mirato di screditare una persona e la sua professionalità per non consentirgli di ricandidarsi nuovamente alle prossime elezioni e di fare quel salto di qualità all'interno del mondo del calcio che molti davano già per scontato. Ma perchè si è dato vita a questo caso? Un caso tale solo per alcuni media, che cavalcano il presunto scoop senza nemmeno darsi la briga di ascoltare la telefonata stessa ( ricordiamo rubata indebitamente ). Forse bisognerebbe ricordare a tutti, che il vero reato è far circolare senza permesso alcuno una telefonata riservata e registrata ad insaputa dell’interlocutore. Ma di questo vivere ormai siamo pieni ed il calcio ormai lo vive come uno stato di fatto basti pensare all'Ad della Lega calcio serie A De Siervo anche lui messo alla gogna per la solita telefonata trapelata chissà come.

Dunque, a distanza di giorni, dopo che tutti hanno capito che si è trattato di una imboscata del quale il presidente Montemurro è stato vittima, non artefice o corresponsabile, è il caso di tornare alla realtà e lasciar lavorare in pace un presidente giovane e motivato, capace e ambizioso, capace di dare al calcio a cinque italiano una visibilità, una solidità e una ribalta (dirette Rai e Sky, iniziative a pioggia nella comunicazione, iniziative nelle scuole, maggior coinvolgimento di media e sponsor tra i quali Nike, crescita del settore feminile, rivalutazione del bilancio…) mai avute prima.

Il complotto pre-elettorale è stato veramente di basso profilo: ma sono i fatti a parlare, e i fatti parlano in favore del presidente Montemurro. Quanto ai falsi scoop e ai danni creati a tavolino alla sua persona, qualcuno ne dovrà rispondere nelle sedi opportune. Certo è che se come sembra il Presidente spaventato da alcuni atteggiamenti anche precedenti a questa vicenda ( intimidazioni, minacce e addirittura oltre 40 esposti inviati in procura sportiva senza nessun esito ) decida di lasciare il calcio ed il mondo dello sport a perdere non sarà soltanto questo bravo giovane manager ma tutte le persone che lottano per una moralizzazione del nostro calcio e per una moralizzazione delle dinamiche in seno ai vertici dello sport italiano.  

09/03/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

08 APR 2020

NAPOLI IN CIG

Il club campano si adegua alle aziende del Bepaese

08 APR 2020

ARRIVANO "RAGAZZE IN GIOCO" E "TUTTI IN GOAL"

Al via le iniziative del progetto "Valori in rete"

07 APR 2020

BEACH VOLLEY, CANCELLATE LE TAPPE DEL WORLD TOUR

Non si giocheranno le tappe id Gstaad ed Espinho

07 APR 2020

CACCIA AL PARAMETRO ZERO

Il mercato aprirà all'insegna del risparmio ma non solo...

06 APR 2020

SPORT e SALUTE 600 EURO DI CONTRIBUTO PER COLLABORATORI SPORTIVI

Stanziati 600 euro per i collaboratori sportivi

06 APR 2020

RAKITIC, ORA SI PUO'...

Il croato scaricato, pare, dal proprio club